L'esercizio quotidiano cura la perimenopausa?

Group of curvy girls friends jogging together at park. Beautiful smiling young women running at the park on a sunny day. Female runners listening to music while jogging.

La cruda realtà è che quando la perimenopausa colpisce, ci sarà assolutamente uno squilibrio ormonale. Le donne come noi vogliono esserne consapevoli per non spaventarsi. L'informazione è la chiave per una gestione efficace di questi indicatori. Cerchiamo in lungo e in largo i rimedi sintomatici.

Iniziamo

Potremmo aver provato quelle raccomandate dai nostri medici, come le pillole contraccettive a basso dosaggio, i cerotti agli estrogeni, le TOS (terapie ormonali sostitutive), ecc. Potremmo anche aver provato la medicina alternativa, in particolare erbe come il cohosh nero, il ginseng, l'olio di semi di lino, ecc. E a volte ci è sembrato che non funzionasse. Come faccio a saperlo? Perché lo credevo anch'io. Continuavo a scervellarmi per capire perché i trattamenti non funzionassero.

Poi un'amica mi ha fatto notare che continuavo a mantenere lo stesso stile di vita precedente alla perimenopausa: mangiavo quello che volevo senza preoccuparmi di quello che poteva farmi, fumavo e non facevo mai esercizio fisico. Così ho deciso di cambiare. Ho smesso di fumare. Ho curato la mia dieta. Ma ho avuto difficoltà con l'esercizio fisico. Sarò anche un pigro, ma rispetto alla corsa, niente è meglio del comfort del mio letto o del mio divano.

Quindi, cosa fare?

Alla fine, però, mi sono resa conto che i sintomi non sarebbero scomparsi presto, così ho cercato di trascinarmi fuori dal letto ogni mattina. Perché funzionasse, sapevo di aver bisogno di aiuto. Così ho chiamato la mia migliore amica (anche lei in perimenopausa) e le ho ordinato di fare un "allenamento a piedi" ogni mattina. Ogni giorno, per almeno 30 minuti, camminavamo intorno all'isolato. Ho pensato che non era poi così male. Dopo circa un mese abbiamo continuato a camminare, ma ho aggiunto un nuovo esercizio al mio regime: la camminata veloce.

Ha fatto miracoli anche per la mia postura. Mi sentivo benissimo e dopo qualche settimana ho smesso di camminare e ho proposto alla mia amica di correre. L'ideale è correre verso le 6 o le 7 del mattino, quando l'aria è ancora fresca; a quest'ora il contenuto di ossigeno è maggiore. Avrei voluto correre in riva al mare, ma dato che non c'era, abbiamo scelto di rimanere nel nostro quartiere, dove c'erano molti alberi, un'ulteriore fonte di ossigeno.

Conclusione

In questo momento, è l'esercizio fisico a farmi sentire molto meglio. Inutile dire che ogni tanto ho ancora bisogno di una tisana per fermare o combattere le vampate di calore, soprattutto quando suonano i campanelli d'allarme. Ma non mi sono mai sentita così viva grazie a questi semplici esercizi quotidiani. L'irrorazione sanguigna è ottima, l'ossigeno arriva ai polmoni in condizioni eccellenti e non alterate, oggi ho raramente sbalzi d'umore e l'aspetto migliore di tutti è che sto perdendo un paio di chili in più con questa procedura.